fbpx
favicon-bianca-totalweb-quadrata

Nel 2020 e nel 2021 si è assistito ad un boom dei social soprattutto a causa della pandemia e dell’isolamento forzato. Questo fenomeno è stato sicuramente alimentato dalle famose dirette di personaggi famosi e influencer per tenere compagnia agli utenti, dai trend da condividere con gli altri come gli aperitivi sui balconi alle 18 e dai famosi hashtag #andràtuttobene e #iorestoacasa.

Ma come sono cambiati i social post pandemia? Quali sono i trend social 2022? Secondo il report Social Media Trends 2022 di Talkwalker e Hubspot le principali tendenze social di quest’anno sono: l’esponenziale diffusione di Tik Tok, il nuovo concetto di metaverso, l’introduzione dell’opzione di vendita nei maggiori social network e il nuovo modo di comunicare post pandemia tra la crescita delle community e quella degli influencer. Ma vediamoli più nel dettaglio.

Trend #1: TikTok sempre più protagonista

TikTok nell’ultimo anno ha raggiunto il record di download con più di 1,2 miliardi di utenti, il social ha avuto una crescita esponenziale dal 2019 ad oggi. L’applicazione punta ad avvicinarsi sempre più alle esigenze delle aziende e prevede infatti l’aggiunta di una modalità e-commerce e di monetizzazione al suo interno.

TikTok è il social perfetto per quelle aziende che vogliono rivolgersi ad un target giovane, in particolare alla Generazione Z in quanto i dati relativi a quel tipo di pubblico sono più che ottimi.

Prevedere l’utilizzo di una strategia di marketing tramite l’uso di questo social, che piano piano si sta facendo sempre più strada nel mondo degli ADV, è la strada che le aziende dovrebbero adottare in quando l’app è facile e immediata da utilizzare, la sola creazione di piccoli video creativi permette, infatti, il coinvolgimento degli utenti e tanta copertura, soprattutto se il contenuto diventa virale sulla piattaforma.

La situazione post pandemia ha fatto sì che gli utenti siano più attratti da contenuti che vadano a soddisfare i loro bisogni e che riescano a coinvolgerli con la personalizzazione degli stessi. TikTok è il mix perfetto di contenuti unici, semplici, originali e personalizzati in grado di attirare l’attenzione del cliente.

La varietà di argomenti su TikTok è infinita per cui ogni azienda può decidere di approcciare a questo mondo e mettersi in gioco. Anche imprese B2B o comunque con un tone of voice più serio possono utilizzare la piattaforma sfruttandola per avvicinarsi emotivamente all’utente ed essere visto da un punto di vista più umano.

Le stories approdano anche su TikTok

Proprio in questi giorni sembra che TikTok abbia introdotto la possibilità di creare stories di 15 secondi della durata di 24 ore simile proprio a quelle di Instagram e Facebook. Il funzionamento è simile a quest’ultime infatti c’è la possibilità di pubblicare foto o video dalla propria galleria e aggiungervi testo o effetti.

Questa funzionalità nei mesi scorsi era disponibile solo per pochi creators per la sperimentazione ma sembra che al momento si stia ampliando e che a breve sarà disponibile per tutti!

Le TikTok stories si possono vedere sia dal profilo dell’utente stesso sia dalla sezione “Per te” della home.

Sembra una nuova modalità della piattaforma di coinvolgere sempre più utenti convergendo tutte le funzionalità degli altri social.

L’inserimento delle stories su TikTok è una buona opportunità per le aziende per tenere aggiornati i clienti sulle novità dell’impresa: nuova collezione, nuovi piatti sul menù, nuovi membri dello staff, ecc. Un modo, quindi, per mostrarsi più vicino agli utenti e ottenere la loro fiducia.

Trend #2: i social come veri e propri e-commerce

Recentemente i principali social come Instagram e Facebook hanno introdotto la possibilità di vendere e comprare prodotti direttamente dalle loro piattaforme; questa tendenza sta crescendo sempre di più infatti anche TikTok e Pinterest stanno pensando di inserire questa funzionalità.

In questo modo i social network, invece che essere usati soltanto per prendere inspirazione, prevedono di seguire l’utente anche nella fase finale dell’acquisto in modo che la vendita sia semplice e immediata senza uscire dall’applicazione.

Questo ci fa capire che l’obiettivo dei social è di insediarsi sempre di più nella vita degli utenti per creare un percorso lineare senza interruzioni e far parte delle loro vite in ogni momento sia online che offline. I brand dovrebbero approfittare di questa in modo da indurre più facilmente gli utenti all’acquisto dei loro prodotti.

Trend #3: lo sviluppo del Metaverso

Hai mai sentito parlare di Metaverso? Il concetto ormai è sempre di più diffuso anche se la definizione precisa ancora non esiste. Il termine non è nuovo infatti è stato utilizzato per la prima volta da Neal Stephenson nel suo libro di fantascienza intitolato “Snow Crash” nel 1992.

Questo mondo ancora sconosciuto è la novità del momento da quando Mark Zuckerberg ha cambiato il nome della sua società in Meta e in un video ha spiegato il concetto di Metaverso dicendo che il termine si riferisce a “… un insieme di spazi virtuali in cui puoi creare ed esplorare con altre persone che non si trovano nel tuo stesso spazio fisico. Sarai in grado di uscire con gli amici, lavorare, giocare, imparare, fare acquisti, creare e altro ancora. Non si tratta necessariamente di passare più tempo online: si tratta di rendere più significativo il tempo che trascorri online”.

Il Metaverso si può definire quindi come un ambiente dove virtuale e fisico si fondono e nasce per soddisfare il bisogno degli utenti di socializzare emerso soprattutto durante la pandemia di covid-19.

Come possono le aziende sfruttare il Metaverso? Questo nuovo spazio virtuale annunciato da Zuckerberg punta ad alimentare il coinvolgimento dei consumatori attraverso innovative modalità di fruizione dei contenuti. È un concetto appena nato ma in futuro sarà sicuramente una risorsa da prendere in considerazione per aziende che vogliono creare strategie di marketing efficaci e competitive.

Trend #4: i social post pandemia tra community e influencer

Come abbiamo già detto, con la pandemia di covid-19 il mondo dei social e il tempo trascorso dagli utenti sulle piattaforme è cresciuto esponenzialmente in tutto il mondo.

L’attenzione degli utenti online è sempre più latente per questo l’obiettivo dei brand deve essere quello di soddisfare i bisogni impliciti ed espliciti degli utenti anche attraverso la creazione di esperienze personalizzate.

In questo ambiente hanno ottenuto sempre più importanza le community, uno spazio di confronto e condivisone tra utenti con interessi e valori simili. Per le aziende rivolgersi a queste “comunità social” può rappresentare un grande vantaggio ma è fondamentale scegliere quelle più adatte al tipo di persone a cui il brand si rivolge.

Un modo per rivolgersi alle community nel modo giusto? Sicuramente gli influencer! Quest’ultimi infatti si sono fatti sempre più spazio nel mondo social e coloro che ottengono più successo sono quelli che vanno a indagare i bisogni e gli interessi dei loro follower per creare loro contenuti ad hoc.

È sempre più comune l’utilizzo dei social da parte degli influencer per contenuti di promozione culturale come tour virtuali, tramite live su Instagram, Facebook o TikTok. Il marketing quindi è sempre più esperienziale, un mix tra reale e virtuale, una convergenza tra i due mondi che si avvia verso il Metaverso.

In conclusione…

Come abbiamo visto i social stanno prendendo il sopravvento in tutti gli ambiti della vita e sta ai brand sfruttarli nel modo giusto per farsi sempre più spazio in questo universo sempre più competitivo. Creare contenuti personalizzati, esperienziali e che vadano a soddisfare i bisogni nascosti degli utenti è un buon punto di partenza. Vuoi sviluppare una strategia social che ti permetta di emergere tramite contenuti ad hoc per il tuo target? CHIAMACI e vieni a prendere un caffè in agenzia!

Contattaci
Ciao! Come possiamo aiutarti?
Total Web
Chiedi informazioni tramite WhatsApp